Latest News

La Germania vara un disegno di legge a sostegno degli investimenti in capitali di rischio e della digitalizzazione degli asset

Due ministri tedeschi hanno annunciato il Future Act, un nuovo quadro normativo volto a favorire gli investimenti in capitali di rischio e la circolazione dei titoli

 

 

Nei giorni scorsi, il ministro federale delle finanze tedesco, Christian Lindner, e il ministro federale della giustizia, Marco Buschmann, hanno annunciato modifiche normative e politiche, delineate nel Future Act, volte a promuovere l’imprenditorialità e l’accesso al capitale e ad abbracciare la digitalizzazione della finanza con titoli digitali o security token.

In una dichiarazione, i due ministri hanno osservato che “la Germania sta affrontando l’enorme compito di dare forma al cambiamento digitale“. Ciò può essere ottenuto solo se esistono le condizioni per un accesso sufficiente al capitale privato, insieme ai fondi pubblici, ragione per cui il governo mira a rendere i mercati dei capitali più efficienti.

La Germania sta dunque pianificando diverse misure fiscali, norme per il mercato dei capitali e relative al diritto societario volte a migliorare l’accesso agli investimenti e al mercato dei capitali per le aziende, in particolare le start-up, le scale-up e le PMI.

Lindner ha dichiarato: “Vogliamo fare della Germania la sede principale per le start-up e le aziende in crescita. Ecco perché stiamo migliorando l’accesso al mercato dei capitali e facilitando la raccolta di capitale proprio. Ne beneficeranno anche le piccole e medie imprese. Perseguiamo un approccio globale: abbiamo creato semplificazioni nel diritto dei mercati finanziari, sviluppato il diritto societario e migliorato il quadro del diritto tributario, in particolare per la partecipazione al capitale dei dipendenti. Nel diritto tributario, abbiamo fornito un impulso importante per rafforzare la cultura della condivisione: vogliamo creare una franchigia per i profitti derivanti dalla vendita di azioni e di quote di fondi investiti in private asset”.

Buschmann ha affermato che la digitalizzazione dei mercati dei capitali è particolarmente importante per il futuro, alludendo ai titoli digitali e al Fintech in generale. Per alcuni aspetti la Germania è stata lenta ad abbracciare la finanza digitale, ma ora sembra che le cose siano cambiate: “In futuro, faremo nascere l’era digitale anche per le azioni“, ha affermato Buschmann. “La legge sui titoli elettronici va, quindi, estesa alle azioni. Stiamo anche aumentando le opportunità di aumentare il capitale proprio facilitando gli aumenti di capitale”.

La legge finanziaria comprende diversi aspetti, tra cui l’abilitazione di SPAC, requisiti patrimoniali inferiori per le IPO, il miglioramento dell’attrattiva fiscale per gli investitori, comprese esenzioni fiscali più elevate per le plusvalenze e altro ancora.

L’obiettivo è anche la digitalizzazione del mercato dei capitali, “creando ad esempio la possibilità di emettere azioni come titoli elettronici, anche grazie alla tecnologia blockchain o tecnologie comparabili. È allo studio anche una migliore trasferibilità delle risorse crittografiche. Finora, la legge tedesca ha regolamentato solo il trasferimento di criptovalute selezionate“.

La legge cerca di rimuovere gli ostacoli alla digitalizzazione della finanza fornendo una supervisione aggiornata da parte di BaFin, l’autorità di regolamentazione finanziaria. Nel complesso, l’obiettivo è migliorare la Germania come centro finanziario e sostenere l’innovazione con un quadro giuridico migliore, nonché un migliore accesso al capitale e incentivi per gli investitori.

Peraltro, non è chiaro come questa nuova normativa si armonizzerà in Germania con il nuovo regolamento europeo per i fornitori di servizi di crowdfunding (ECSPR).

Post originale

Scroll to top